Dagli scarti dell’uva alla moda

È di una start up trentina il progetto che vede la trasformazione degli scarti della lavorazione dell’uva in un particolare tessuto, che ricorda la pelle.

Vegea, questo il nome della start up ha come propria missione quella di sviluppare un nuovo modello di bioeconomia utilizzando i sottoprodotti dell’agricoltura come fonte di nuovi materiali ecosostenibili.

L’agricoltura, dunque, come fonte dei materiali del futuro.

Tutte le attività di ricerca e sviluppo nascono e vengono  sviluppate all’interno del laboratorio aziendale e negli ultimi anni sono state avviate molte collaborazioni scientifiche con diverse Università europee e, oggi, Vegea Dè tra le 4 finaliste italiane del contest Chivas Venture“

“Con VegeaTextile vogliamo contribuire alla diminuzione dell’impatto ambientale e sociale dell’industria del fashion attraverso l’uso di materiali naturali e rinnovabili.” Spiega Marco Bernardi, R&D Manager di Vegea. La start up ha sviluppato collaborazioni con distillerie sul territorio nazionale e vanta importanti collaborazioni internazionali come, ad esempio, quella con la H&M Foundation e esposto prototipi al Victoria & Albert Museum di Londra e, in collaborazione con il Ministero degli Esteri e il CNR, nell’ambito dell’evento “Italia. La bellezza della conoscenza”.

vegeatextile
Questo il processo produttivo che porta alla trasformazione degli scarti di lavorazione dell’uva in tessuto

Il concetto alla base della tecnologia impiegata è la valorizzazione della vinaccia, una materia prima 100% vegetale composta dalle bucce, i semi e i raspi del grappolo d’uva da vino, che rimangono dopo la produzione del vino.

L’innovazione di VegeaTextile è legata alla valorizzazione simultanea dell’intera vinaccia.

Dai semi, infatti, viene estratto un bio-olio che è successivamente polimerizzato utilizzando un innovativo processo brevettato.

In parallelo, le bucce e i raspi sono utilizzati in un compounding specifico, anch’esso brevettato, per la produzione di un tessuto con proprietà tecniche avanzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *