Pole quello che nella vita si chiama puzzo esse’ chiamato profumo ni’ vino?

Leggevo poco fa su WineSurf la piacevole disquisizione di Carlo Macchi circa il profumo nei vini e anche il puzzo, spesso decantato come elemento a sostegno dell’esser naturale di un vino.

Io mi trovo completamente d’accordo con Carlo Macchi, che testualmente cito e al cui articolo vi rimando

Non vale la scusa, questo per tutti  tipi di vino,  “Adesso si apre!” oppure “Meglio questo che uno pseudo profumo industriale”,  perché se ti mettono in tavola un culo di cavallo quello puzzerà sempre come un culo di cavallo.

Tante volte ho storto il naso quando mi sono stati proposti vini che – decantati come bio qui, bio là, naturali e pure un poco zen – trovavo francamente puzzolenti ed ho dovuto addurre bieche scuse per non rischiare che mi riempissero il bicchiere.

Ecco, dunque, l’articolo originale di Carlo Macchi, buona lettura e fatemi sapere che cosa ne pensate.
Silvia Landi

winesurf
L’articolo di Carlo Macchi per Winesurf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *