Il fritto misto

Il fritto misto e il profumo dell’estate nell’aria, su una terrazza sul mare, con un calice di Cuore di Candia.

A maggior ragione oggi, giornata fredda e ventosa di un inizio dicembre in zona rossa, un bel fritto misto diventa un toccasana in grado di riportare il sorriso anche a chi è di umore nero.

Chef Lulù ci svela i suoi segreti per una frittura perfetta, perché il pesce resti croccante fuori, tenero e per niente unto.

Ora fate una corsa in pescheria, acquistate calamari e quello che vi piace di più e iniziate.

I trucchi di Lulù per un fritto misto da manuale

Prendo i calamari, li taglio e li faccio scolare bene, li passo poco alla volta, man mano che devo friggerli, in farina di semola rimacinata.

Se stanno troppo nella farina assorbiranno più olio e saranno poco croccanti.

Li tuffo in olio di semi, meglio di arachidi, ma va bene anche di girasole se siete intolleranti, temperatura rigorosamente a 180 gradi. Pochi alla volta.

La temperatura dell’olio non deve calare. Un tuffo veloce come la cottura. Non supera il minuto.

Appena sono dorati toglierli.

Una cosa importante è non salarli subito, ma quando sono in tavola. Anche il sale tende a farli ammosciare.

Buon appetito!


fagioli all'uccelletto

I fagioli all’uccelletto

Ricetta classica della tradizione toscana, quella dei fagioli all’uccelletto è semplicissima e molto gustosa, ma richiede alcune piccole attenzioni per riuscire davvero bene. Ingredienti semplici, facilmente …
Read More
tagliatelle

Le tagliatelle con farina di ceci

Le tagliatelle con farina di ceci sono un piatto antico che veniva preparato in tante occasioni, in alternativa ad altre ricette a base di ceci, spiega Nicola Natili introducendo questa interessante ricetta toscana. I ceci …
Read More

Una toscana in cucina

Luana “Lulù” Fruzzetti è cuoca e pasticcera e dopo anni passati nelle cucine di ristoranti e locali della Versilia ha deciso di coltivare il suo grande sogno, quello di avviare una propria attività.

Lulù vive in luogo incantato, a 700 m di altitudine, tra prati e boschi di castagni, sui monti sopra Massa.

Qui coltiva il suo orto, per una cucina a km zero e con prodotti di qualità. I formaggi e le farine le arrivano da un pastore della zona, così come tutte le materie prime che impiega per cucinare le prelibatezze che ci presenterà.